Evangelos Odysseas Papathanassiou, in arte Vangelis, il saluto estremo il 17 maggio. Ci lascia i suoi monumenti musicali, a noi e all'universo

3' di lettura 20/05/2022 - Evangelos Odysseas Papathanassiou, in arte Vangelis, il saluto estremo il 17 maggio. Ci lascia i suoi monumenti musicali, a noi e all'universo

Evangelos Odysseas Papathanassiou, in arte Vangelis, il saluto estremo il 17 maggio. Ci lascia i suoi monumenti musicali, a noi e all'universo. Il Mozart di origini greche (Adria) era del 1943, cominciò a comporre a soli 4 anni. Autodidatta da sempre, non ha conosciuto scuole di musica, le ha rifiutate e non ha mai scritto spartiti tradizionali. Ha poi fatto produrre tastiere e sintetizzatori su misura e di suo disegno e concetto. Una carriera sopra ogni livello e menzione. Nel 19 è stato titolato Cavaliere delle arti e delle lettere e poi Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore.
Chiamarlo compositore è giusto ma estremamente riduttivo per tutte le collaborazioni e presenze ai massimi livelli. Nel 1997 si esibì per i campionati del mondo di atletica leggera ad Atene, con una immensa (meritatissima) coreografia, colossale.
Ha composto moltissimo per il cinema, 1492 La conquista del paradiso, Blade Runner, Momenti di gloria, Antarctica, Missing, solo per citarne alcune. Molte sue musiche sono poi diventate ancora successi in sigle televisive. Una delle sue ultime composizioni si ispirava allo spazio e alle sue conversazioni con un pilota in orbita, Rosetta, nell'omonima missione dell'ESA del 2014, dove la sonda spaziale Philae si fermò sulla cometa 67P/Churyumov_Gerasimenko. Fu ispirato anche dalle storie raccontate dall'astronauta André Kuipers comunicava diretttamente in video chiamata proprio dalla Stazione Spaziale Internazionale.
Una volta l'artista disse: "Mitologia, scienza ed esplorazione dello spazio sono temi che mi hanno sempre affascinato fin dalla mia infanzia. E sono in qualche modo collegati con la musica che scrivo". Un altro disco da avere è certamente Albedo 0.39, dove le musiche erano ispirate dalle onde radio (ascoltate Alpha)delle galassie e della rifrazione della luce dai pianeti.
Ebbe anche delle esperienze in formazioni POP con i FORMINX in Grecia e poi dpo essersi trasferito (dove poi è deceduto) a Parigi, dove fondò Aphrodite's Child con Demis Roussos (portento vocale) e Loukas Sideras(virtuoso batterista), con i quali svettò nelle classifiche anni 70 anche con “Rain and tears” e “it's five o'clock”.

Nei primi anni sessanta fonda il gruppo pop Forminx, che diviene popolare in Grecia. Durante la rivolta studentesca del 1968 si trasferisce a Parigi e fonda il gruppo di rock progressivo Aphrodite's Child con Demis Roussos e Loukas Sideras.

Ecco un sito web un pò vecchio stile ma molto più ricco della scheda (ridottissima) da Wikipedia che noi nonostante tutto, non consideriamo mai la principale fonte di sapere.
http://elsew.com/data/gallery4.htm

Non possiamo nascondere che per le emozioni emesse da tutte le sue musiche che conosciamo profondamente, intendo tutta la discografia brano per brano, qui in redazione, ci sono stati dei momenti di commozione, molto più che per l'altrettanto mitologico Ennio Morricone. Adesso potranno comporre nuove musiche per accoglierci e sorprenderci ancora, quando anche noi li raggiungeremo.


di Giuseppe Faienza
prato@vivere.news


vangelis|Evangelos Odysseas Papathanassiou|





Questo è un articolo pubblicato il 19-05-2022 alle 22:25 sul giornale del 19 maggio 2022 - 4 letture

In questo articolo si parla di cronaca, musica d'autore, colonne sonore, articolo, Giuseppe Faienza, vangelis, compostore

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c8je

Leggi gli altri articoli della rubrica 360 Music





logoEV