Arezzo, il vicesindaco aretino: “Il 27 gennaio giorno fondamentale per tutti noi. Chi ha contestato Marco Botti è un miserabile cialtrone”

1' di lettura 27/01/2021 - La nota del vicesindaco Lucia Tanti sulla Giornata della Memoria.

“Ci si interroga su come trasmettere ai giovani, futuro e speranza. Le testimonianze dei sopravvissuti, sempre più rare e preziose, i racconti, i documenti e la storia sono le fonti più dirette e chiare, irrinunciabili e fondamentali. Conoscere è necessario. Sono di pochi mesi fa le parole pronunciate da Liliana Segre, aretina onoraria dal 20 maggio scorso, a Rondine. Ancora risuonano in noi. Ma evidentemente non riescono a entrare nelle teste e nei cuori di coloro che hanno intralciato una trasmissione online, pensata in vista del 27 gennaio, curata dal giornalista Marco Botti, con un’azione miserabile, cialtrona e inqualificabile, senza rispetto per la memoria della Shoah. Arezzo, - aggiunge Lucia Tanti - ricorda poi in modo ancora più speciale grazie al gemellaggio con Oswiecim, siglato 12 anni fa. Queste due città sono strette in un abbraccio di grandissimo significato morale, che ci consente di testimoniare la volontà di mantenere viva la memoria e, insieme, il rifiuto definitivo di qualsiasi ideologia che non riconosca dignità agli esseri umani”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2021 alle 09:41 sul giornale del 28 gennaio 2021 - 122 letture

In questo articolo si parla di redazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bLg2





logoEV